Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa.

Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Baldino da Surso - Coro del Duomo di Asti Cripta della chiesa di San Giovanni

L’uomo passa e segna la pietra

Da Venerdì 25 Maggio 2018
a Domenica 24 Giugno 2018
Tipo di evento: Archivio Eventi

L’UOMO PASSA E SEGNA LA PIETRA
Martin Matschke: 50 anni di carriera artistica


Mostra antologica
Inaugurazione: Venerdì 25 maggio, ore 18

Opera di Martin MatschkeVenerdì 25 maggio alle ore 18 presso il Museo Diocesano San Giovanni (via Natta 36) sarà inaugurata la mostra antologica “L’uomo passa e segna la pietra. Martin Matschke: 50 anni di carriera artistica” che ripercorrerà i cinquant’anni di carriera artistica dello scultore tedesco Martin Matschke, spentosi lo scorso anno ad Antignano (AT).

Il bianco di Carrara e il nero dei bronzi delle sue sculture narrano situazioni sospese, di ricordo geometrico, a cui l’autore infonde una calda vitalità determinata da leggere torsioni, da impercettibili sovrapposizioni di piani, da minimi avvallamenti su cui scivola la luce, richiamando mutazioni dell’immaginazione e stimolando sollecitazioni tattili. Seguendo la logica compositiva si comprende come il rimando a cubi o parallelepipedi si svincoli dai rigidi contorni geometrici per divenire memoria di un volto o emblematica intersezione di due corpi che si uniscono.

Dal marmo, poi, si passa al legno. La spinta ascensionale conferita a queste sculture si rafforza proprio nell’andamento ritmico delle incisioni orizzontali sulla verticalità dell’impianto, che paiono fungere da rievocazione delle fonti lontanissime della nostra sensibilità collettiva. Questi sono legni che vibrano come ombre di antiche stele, insistentemente percorse sulla superficie da segni, da solchi, e proprio tra quelle pieghe sembra raccogliersi lo scorrere del tempo.

Martin MatschkeMartin Matschke è nato a Leutmannsdorf, in Germania, nel 1932 e morto ad Antignano (AT) nel 2017. Ha studiato con il pittore tedesco Erich Wegner ad Hannover, dedicandosi a scultura e disegno. Membro del Circolo degli artisti del Baden-Württember, uno dei 16 stati federati della Germania, ha ricevuto nel 1985 il Premio Perron della città di Frankenthal.

Molti eventi artistici sono stati dedicati a Matschke in Germania: tra le personali, si contano quelle allestite nel 1986 al Palazzo comunale di Friburgo, nel 1990 nel palazzo del Ministero degli Interni di Stoccarda, nel 2005 al Castello di Achberg a Ravensburg. Le opere di Martin Matschke hanno viaggiato anche fino all’ambasciata della Repubblica Federale Tedesca a Riad, in Arabia Saudita, per una mostra allestita nel 1988. I suoi lavori sono esposti anche in piazze e palazzi pubblici, come la piazza del municipio di Karlsbad, il parco del Comune di Waldbronn, nella galleria comunale di Stoccarda e nel Museo d’Arte Nuova di Karlsruhe.

Opera di Martin MatschkeL’eventuale ricavato dalla vendita delle opere in mostra sarà donato al Progetto scuola Mukululu di Millegocce onlus. Mukululu è un piccolo villaggio del Kenya, 400 km a nord di Nairobi, al confine della savana. Lì vive da molti anni fratel Giuseppe Argese, missionario della Consolata, che opera per portare un po’ di benessere e istruzione a quanti vivono nel villaggio. Insieme a lui è nata Millegocce, onlus astigiana.

La Scuola parrocchiale infantile ed elementare di Mukululu è gestita da padre Stephen Njogu Wainaina, un giovane prete che collabora con fratel Argese. A differenza di quella statale, è completamente gratuita e sono garantiti anche due pasti giornalieri. Il suo personale è composto da cinque insegnanti e un impiegato amministrativo. Millegocce contribuisce costantemente alle spese per il suo funzionamento, con l’obiettivo di ampliarla per accogliere altri bambini di Mukululu.

Il percorso espositivo, con il patrocinio di Regione Piemonte, Provincia di Asti, Città di Asti, Lions Club Asti Host, Associazione Musei Ecclesiastici Italiani e Progetto Città e Cattedrali, è curato da Clizia Orlando e Stefano Zecchino.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 25 maggio al 24 giugno 2018 con il seguente orario: venerdì 16-19, sabato e domenica 9,30-13 e 16-19, nei restanti giorni della settimana su prenotazione all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure allo 0141.592.176. Possibilità di visite guidate su prenotazione.

Domenica 24 giugno alle ore 17, in occasione dell’ultima giornata di apertura della mostra, avrà luogo un incontro conclusivo di musica e dialogo con la cantante lirica Elena Canale, la giornalista Francesca Gerbi e la pittrice Ingeborg Matschke.

Per tutta la durata dell’evento l’ingresso al Museo Diocesano sarà con offerta libera.

Domenica 10 giugno sarà possibile visitare il Museo Diocesano accompagnati dalla dott.ssa Raffaella Pischedda, studiosa di culture moderne, che presenterà il significativo percorso artistico di Martin Matschke attraverso riflessioni filosofiche e letterarie. Le due visite guidate inizieranno alle ore 16,30 e alle 17,30: non è necessaria la prenotazione, basterà presentarsi in Museo entro l’orario di inizio visita. La visita guidata sarà con offerta libera da corrispondere direttamente alla guida.


Luogo : Spazio San Giovanni, via Natta 36, Asti
Contatto : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indietro