Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa.
Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Baldino da Surso - Coro del Duomo di Asti Cripta della chiesa di San Giovanni
Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Visualizza per anno Visualizza per mese Visualizza per settimana Visualizza oggi Cerca Salta al mese

313-2013: Asti al tempo dell'Editto di Costantino

Mercoledì 13 Novembre 2013, 21:00
Tipo di evento: Archivio Eventi

313-2013: ASTI AL TEMPO DELL'EDITTO DI COSTANTINO

Locandina della conferenzaInterverranno:
mons. Vittorio Croce, vicario generale della Diocesi di Asti

dr.ssa Cristina Marchegiani, archeologa e conservatore delle collezioni archeologiche dei Musei Civici di Asti

dr. Roberto Alciati, ricercatore di Storia del Cristianesimo e delle Chiese presso il Dipartimento di Studi Storici dell'Università degli Studi di Torino


In occasione dell'Anno Costantiniano (313-2013) il Museo Diocesano e la Gazzetta d'Asti organizzano una serie di incontri sul tema.

In questo primo incontro, introdotto da mons. Croce, sarà presentata da due studiosi la situazione di Asti al tempo dell'Editto di Milano (313): l'archeologa Cristina Marchegiani illustrerà con immagini e spiegazioni dettagliate com'era la città in quel periodo dell'impero romano, mentre lo storico Roberto Alciati contestualizzerà la figura dell'imperatore e il suo famoso decreto di libertà religiosa.

Si compiono infatti quest'anno i 1700 anni dal famoso editto o decreto emanato appunto dall'imperatore Costantino nel 313 che proclamava la religione cristiana “religio licita”. La professione di fede in Cristo diventava dunque libera dopo tre secoli di persecuzioni più o meno violente e comunque di intolleranza da parte dell’autorità romana.


Ingresso libero

Luogo : Spazio San Giovanni, via Natta 36, Asti
Contatto : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indietro