Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa.
Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Baldino da Surso - Coro del Duomo di Asti Cripta della chiesa di San Giovanni
Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Visualizza per anno Visualizza per mese Visualizza per settimana Visualizza oggi Cerca Salta al mese

I francobolli di Giovanni XXIII

Da Venerdì 6 Dicembre 2013
a Domenica 2 Febbraio 2014
Tipo di evento: Archivio Eventi

I FRANCOBOLLI DI GIOVANNI XXIII
Emissioni filateliche vaticane durante il pontificato di papa Roncalli (1958-1963)

Locandina della mostraMostra documentaria
Inaugurazione: Venerdì 6 dicembre, ore 17,30

La collezione dei francobolli di Giovanni XXIII è una raccolta di grande rilevanza filatelica e storica ed è composta da tutti gli esemplari stampati dal Vaticano durante i sei eccezionali anni di pontificato del “Papa buono”. La raccolta di 129 francobolli, emessi fra il 1958 e il 1963, di proprietà del collezionista astigiano Umberto Ugaglia, viene eccezionalmente concessa in prestito al Museo Diocesano in occasione del 50° anniversario della scomparsa di Giovanni XXIII.

I francobolli del regno di papa Roncalli elaborano in molti modi i temi trattati sotto il pontificato di Pio XII. In particolare continua ad avere un posto di primo piano il tema della persecuzione della chiesa oltre la “cortina di ferro”. La serie di due pezzi del 1959, ad esempio, raffigura il principe san Casimiro di Lituania e la cattedrale di Vilnius, all’epoca sotto il controllo sovietico. Altre serie affrontano questo tema in modo meno diretto, attraverso riferimenti a persecuzioni del passato: come i francobolli del 1959 raffiguranti i santi martirizzati dall’imperatore romano Valeriano, o quelli del 1961 con il martirio di san Paolo sotto l’imperatore Nerone. La serie del 1961 raffigurante papa san Leone Magno può essere anch’essa interpretata come un’allegoria della sfida della Chiesa al Comunismo. Nel 452, quando il temibile Attila minacciava di invadere l’Italia, papa Leone gli andò incontro salvando Roma dalla distruzione convincendo Attila a tornare sui suoi passi.


Nel corso dell’inaugurazione sarà presentato il presepe offerto dall’Associazione culturale di volontariato Tempi di fraternità (onlus). Le statue sono opera di Gianfranco Monaca, argille e cottura Fornace di Baldichieri.

Luogo : Spazio San Giovanni, via Natta 36, Asti
Contatto : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indietro